Senza istruzione corriamo il rischio di prendere sul serio le persone istruite. G.K.C.

Archivi del mese: gennaio 2008

E’ drammatico dal punto di vista della democrazia che poche decine di docenti e studenti abbiano impedito al Papa di intervenire all’apertura dell’anno accademico della sapienza. L’unica nota positiva in questa tristissima vicenda è che stavolta non è mancata la solidarietà da tutte le forze politiche. Come a Ratisbona, anche in questo caso ci si è scagliati contro il Papa per una citazione. Citare un pensatore o l’altrui pensiero è segno di grande apertura mentale perchè “si fa parlare qualcun altro”, non è detto che se ne debba per forza condividere l’opinione. Purtroppo anche se la nostra società sembra molto aperta e dialogante non è così come le vicende legate al Papa dimostrano… non è che abbiamo troppo osannato la “libertà di parola” dimenticando l’importanza dell’ascolto!?

Share